Innovazione in edilizia: quali sfide per il futuro? La missione di Made per i suoi clienti

16/12/21

Il futuro dell’edilizia passa attraverso la capacità di stare al passo con un settore in continua evoluzione. La distribuzione edile ha sempre puntato all’innovazione tecnologica, all’efficienza energetica e alla sostenibilità ambientale. Ma innovazione in edilizia significa anche avvicinarsi al consumatore e creare un “ponte” tra la proposta fisica dei punti vendita e la proposta digitale della comunicazione online. È questa la sfida, accettata e vinta, dal Gruppo Made.

Il mondo edile ha dovuto affrontare negli ultimi anni un vortice di trasformazioni e cambiamenti.

Le sfide più grandi sono (e saranno) quelle di stare al passo con la rivoluzione digitale, con l’innovazione tecnologica e con i cambiamenti nell’interazione tra azienda e consumatore.

Il Gruppo Made ha compreso l’importanza di creare un filo diretto tra proposta fisica e digitale, introducendo numerose iniziative per estendere il dialogo anche al cliente privato che decide di ristrutturare il proprio appartamento.

Si tratta di un approccio più flessibile, “empatico” e basato sull’omnicanalità.

A differenza del passato, ora il cliente-tipo è più consapevole e informato, conosce le novità del settore, sa orientarsi tra preventivi e tipologie di interventi e cerca il risparmio energetico.

Ma, soprattutto, oggi il cliente esige soluzioni che puntano all’innovazione edilizia, all’ottimizzazione delle risorse e alla sostenibilità ambientale.

Nel prosieguo dell’articolo affronteremo in particolare i seguenti argomenti:

Casa moderna costruita completamente in legno

Il Gruppo Made sfida il futuro con innovazione edilizia e sostenibilità

Mentre in passato le rivendite edili si rivolgevano quasi esclusivamente alle imprese costruttrici, oggi si orientano anche verso il cliente privato che si appresta a ristrutturare la propria abitazione.

Attualmente la maggior parte dei punti vendita aderenti al Gruppo Made ha una buona presenza online, sia come e-commerce sia come comunicazione digitale. 

Alcuni di loro hanno aperto il proprio showroom e sono in grado di offrire numerose soluzioni dedicate al cliente privato che intraprende la strada della ristrutturazione.

Ovviamente l’interazione è completamente diversa: oltre al semplice acquisto, il privato ha bisogno di essere ascoltato, di ricevere consigli e di poter contare su consulenze e servizi personalizzati.

I punti vendita del network, dunque, non sono strutturati solamente per vendere prodotti, ma per aiutare il cliente a 360 gradi nella realizzazione della casa dei propri sogni, fornendo servizi accessori come quelli di rendering, progettazione e assistenza sulle pratiche burocratiche dei diversi Bonus casa.

Questi showroom possono offrire una consulenza personalizzata per guidare il cliente verso materiali e rivestimenti innovativi, sistemi di costruzione all’avanguardia e soluzioni in grado di coniugare estetica, performance tecniche e sostenibilità ambientale.

Tecniche e materiali innovativi per un’edilizia sempre più efficiente

In edilizia, l’innovazione viene declinata nella capacità di introdurre materiali, sistemi e tecniche in grado di realizzare costruzioni più efficienti, vantaggiose ed ecosostenibili.

È proprio grazie a lei se oggi l’edilizia può contare sull’impiego di materiali da costruzione innovativi, “intelligenti” ed ecologici, che garantiscono alte prestazioni energetiche nel rispetto dell’ambiente.

Tra i materiali innovativi che stanno rivoluzionando il settore delle costruzioni troviamo, anzitutto, il calcestruzzo autorigenerante e altre soluzioni in via di sperimentazione, o che rappresentano già una realtà nel mondo della bioedilizia.

Diamo un’occhiata a qualche esempio di tecniche e materiali innovativi per l’edilizia.

Calcestruzzo autorigenerante

Sappiamo che l’utilizzo del cemento, materiale simbolo dell’edilizia tradizionale, porta con sé una serie di problemi legati all’inquinamento. Ad inquinare, in particolare, sono le emissioni di carbonio che si possono verificare nel caso di lesioni del materiale, dovute agli agenti atmosferici.

Per ridurre l’impatto dannoso del carbonio sono state condotte diverse sperimentazioni.

Fra queste, la ricerca del team di ricerca del Worcester Polytechnic Institute (WPI) del Massachusetts ha permesso di sviluppare un calcestruzzo autorigenerante.

Come spiegato nell’articolo pubblicato su Applied Materials Today, per conferire la capacità di autoguarigione al calcestruzzo, il gruppo di ricerca ha utilizzato un enzima presente nei globuli rossi, l’anidrasi carbonica.

Infatti, il calcestruzzo autorigenerante interviene precocemente, quando le fratture sono ancora piccole, sigillando il materiale. 

In che modo? Quando nel cemento si formano delle fessure, l’enzima determina una reazione automatica con l’anidride carbonica, creando dei cristalli di calcite in grado di riparare e riempire le crepe in autonomia.

Isolante feltro hi-tech

L’isolante feltro hi-tech è stato brevettato da un team di ricerca del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Trento.

Questo materiale isolante, simile al feltro e costituito da nanofibre di nitruro di silicio, è flessibile e morbido come la lana ma, al tempo stesso, duro come la ceramica. 

I vantaggi non finiscono qui: l’isolante feltro hi-tech è resistente al fuoco, all’assorbimento di onde elettromagnetiche e alla filtrazione di liquidi e di gas caldi.

Isolamento del tetto con feltro

Isolante Aerogel

Caratterizzato da trasparenza, leggerezza, proprietà anti incendio e ridotta trasmittanza termica, l’aerogel è un eccellente materiale termoisolante e fonoassorbente.

Questo lo ha portato ad essere utilizzato principalmente come materiale per l'isolamento dei vetri e per l'isolamento termico di costruzioni a basso impatto ambientale.

Accanto al tradizionale aerogel di silice, costituito da aria (96%) e silice (4%), troviamo altri due tipi di pannelli aerogel isolanti

  • Aerogel di cellulosa: versione più innovativa ed ecosostenibile rispetto alla silice.
    Si ottiene mischiando l'aerogel con scarti della carta ed è biodegradabile, idrorepellente, resistente al fuoco, con una bassissima conducibilità termica;
  • Aerogel di fibra di riso: materiale ecosostenibile a base di aerogel e fibre naturali rinforzate.
    Si presenta in pannelli isolanti flessibili e sottilissimi - spessore tra 2 e 10 mm - con ottime capacità isolanti e buona resistenza al fuoco.

L’innovazione edilizia passa anche per le tecniche e i sistemi innovativi di costruzione degli edifici, oltre che per i materiali impiegati.

Il monitoraggio strutturale, ad esempio, consente di controllare a distanza una serie di importanti parametri della “salute” delle strutture edilizie.

Ad oggi il monitoraggio geotecnico, strutturale e topografico viene rivolto soprattutto alle grandi opere, ai monumenti, ai ponti, alle dighe, ma sta iniziando a prendere piede anche per gli edifici privati, per le costruzioni commerciali e residenziali.

La rete interna di sensori è in grado di verificare in tempo reale fattori come: 

  • stati tensionali dell’edificio
  • cedimenti o spostamenti
  • livello di acqua nel terreno
  • pressioni interstiziali
  • stato di usura dei materiali
  • formazione di fessurazioni
  • penetrazione di agenti chimici nocivi

Anche i vetri fotovoltaici rappresentano un’importante innovazione edilizia

Essi consentono di integrare le celle fotovoltaiche nelle vetrate dei fabbricati, così che l’intero involucro possa funzionare come un enorme pannello solare. A tutto vantaggio della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico.

Rimanendo in tema di risparmio energetico, segnaliamo l’interessante novità introdotta dall’azienda Veranu

La Startup ha creato un sistema che riesce a trasformare l’energia cinetica degli esseri umani, ossia i passi che facciamo durante il giorno, in energia elettrica.

Facendo leva sull’effetto piezoelettrico, il sistema arriva ad erogare fino a 2 watt di potenza per ogni passo.

Nell’edilizia residenziale la tecnologia è ancora in fase sperimentale, mentre ha già trovato applicazione come sistema di illuminazione supplementare per i riflettori di uno stadio a Rio de Janeiro (bastano 20 passi per accendere un lampione a luci Led).

Isolante innovativo per costruzioni

Materiali sostenibili per l'edilizia

Quali sono invece i materiali da costruzione consigliati per un'architettura sostenibile?

Sappiamo che il mondo dell'edilizia si sta spostando piuttosto velocemente verso soluzioni che abbracciano i principi della bioarchitettura e della sostenibilità ambientale. 

Ma sono i consumatori ad essere cambiati: oggi c’è maggiore consapevolezza rispetto alla salvaguardia del nostro Pianeta e all’innovazione edilizia. Si avverte, quindi, l’esigenza di ricorrere a Building Material alternativi dinamici, intelligenti e in grado di reagire agli stimoli esterni.

Come emerso da un’indagine di Allied Market Research, il mercato dei materiali edili alternativi, valutato circa 190 miliardi di dollari nel 2020, raggiungerà i 330 miliardi nel 2030, con un tasso di crescita annuale del 5,8% e una crescita complessiva del 74%.

Come già osservato, tra i materiali sostenibili che hanno già avviato la rivoluzione del settore delle costruzioni c’è il calcestruzzo autorigenerante.

Questo però non è l’unico materiale ecologico impiegato in edilizia sostenibile.

Scopriamone altri.

L’isolante termoacustico che combatte l’inquinamento marino

Un biopolimero, ricavato dalla lavorazione delle alghe rosse, permette di utilizzare le microplastiche che inquinano i mari per realizzare una schiuma adatta all’isolamento acustico e termico delle abitazioni. 

L’invenzione del ricercatore Marco Caniato, della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, rappresenta un importante contributo alla lotta contro le microplastiche

Infatti, nessuno prima di lui aveva pensato a come riciclare le plastiche che galleggiano sulle superfici dei nostri mari.

In estrema sintesi, il materiale viene creato lavorando un estratto dell’alga agar agar, un polisaccaride normalmente usato come gelificante naturale, che viene poi addizionato con carbonato di calcio e mescolato alla plastica polverizzata. 

Il risultato finale è un materiale poroso che può essere utilizzato, ad esempio, al posto della lana di roccia.

Le sue caratteristiche acustiche e termiche sono riportate nell’articolo Acoustic and thermal characterization of a novel sustainable material incorporating recycled microplastic waste, pubblicato sulla rivista Sustainable Materials and Technologies.

Materiali innovativi per l’edilizia dagli scarti del riso

Negli ultimi anni diverse Startup hanno sperimentato e messo sul mercato materiali e prodotti per la bioedilizia che prendono vita dagli scarti dei prodotti alimentari, in particolare dagli scarti del riso.

Grazie ad una miscela di base costituita da pula, lolla e paglia di riso, è possibile ottenere materiali interamente naturali, molto leggeri, con una buona capacità termica e acustica, traspiranti ed ecologici

Inoltre, sono facili da posare e adatti a tutti i tipi di interventi, dalle ristrutturazioni alle nuove costruzioni.

Pannelli di paglia compressa

I pannelli in paglia, realizzati al 99% con paglia riciclata ed essiccata, rappresentano una soluzione costruttiva economica, ecologica e dall’alto potere isolante.

In questo materiale, la paglia garantisce isolamento termico, mentre il rivestimento di finitura in argilla protegge dal vento e dal fuoco.

Per la fabbricazione dei pannelli viene generalmente usata paglia con meno del 15% di umidità ed è fondamentale che quando la paglia viene inserita nel pannello si raggiunga e si mantenga una densità di compressione di 100-120 kg/mc

Ugualmente importante per garantire la migliore resistenza termica del pannello è non alterare la struttura “multidirezionale” della paglia.

I pannelli in paglia nascono come soluzione per edifici a basso consumo energetico. La tecnica costruttiva evita, infatti, la formazione di ponti termici in quanto il bordo di paglia di ogni pannello viene pressato contro il bordo di quello contiguo al momento del montaggio.

Tale tecnica, oltre ad eliminare la possibilità di formazione di ponti termici, fornisce stabilità e integrità alla struttura edilizia.

Isolamento edificio con materiali sostenibili

Innovazione edilizia: la missione del Gruppo Made

Il Gruppo Made promuove l’innovazione edilizia a 360 gradi, offrendo alla distribuzione edile tutto ciò che serve per poter innovare in modo funzionale alla propria tradizione, ma adattandosi anche alla nuova domanda.

La Mission del network è quella di contribuire a creare valore nelle aziende che operano nel settore edile attraverso il miglioramento della tecnologia e dei processi produttivi e, soprattutto, introducendo un nuovo modo di relazionarsi con i consumatori. 

Dalle imprese di costruzione, infatti, il target si è allargato fino ad includere il cliente privato, ovvero il comune cittadino che si rivolge ad uno dei punti vendita del network.

Il suo obiettivo è quello di ricevere consigli e informazioni sulle novità del settore, essere guidato nella scelta dei materiali ecosostenibili più innovativi, usufruire dei servizi di assistenza e consulenza su misura per le sue esigenze.

La sfida è proprio quella di stare al passo con l’innovazione del settore e con i cambiamenti di un mercato sempre più diversificato e complesso, dove la multicanalità ha cambiato anche la tipologia dei competitor.

Il Gruppo Made crede nell’aggregazione, nell’unione delle forze, e nella qualificazione dell’offerta per creare valore aggiunto nella vendita del prodotto, mettendo a disposizione delle rivendite anche servizi e consulenze specifiche per eccellere nel mercato moderno.

Ad oggi in tutta Italia sono 142 gli aderenti al network. 

Il collegamento tra proposta fisica e proposta digitale è questa piattaforma, ristrutturaconmade.it, creata allo scopo di fornire informazioni e soluzioni dedicate al mondo della ristrutturazione, veicolando poi alle rivendite le richieste che arrivano da aziende, professionisti e privati. Tutto questo guardando sempre ad un futuro “in movimento”, fatto di tecnologia, sostenibilità e innovazione.

Richiedi informazioni:

Consenso(Obbligatorio)

Siamo a tua 
disposizione
Materiali, prodotti, soluzioni, consigli, progettisti, architetti, Showroom, per qualsiasi esigenza troveremo una soluzione su misura per te.
TROVA IL TUO PUNTO VENDITA
Entra
in MADE
Gruppo Made offre la migliore proposta di strumenti e servizi orientati all’incremento dell’efficienza delle aziende della distribuzione edile.
SCOPRI DI PIÙ

newsletter

MADE è il gruppo per l’edilizia italiana, punto di riferimento unico 
per tutto quello che stai cercando per costruire casa.
© 2022 Made Italia S.p.a. P.IVA e CF 07793980967 • REA: MI - 1982170 • Capitale Sociale € 710.000 I.V. - Privacy Policy - Cookie Policy - Cookie Preference
usersarrow-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram