Bonus barriere architettoniche: come funziona e novità

02/02/24

Il bonus barriere architettoniche è un'ottima opportunità per migliorare l'accessibilità della propria casa. Scopri le novità dell'agevolazione al 75%.

Con la Legge di Bilancio 2022 è stato introdotto in Italia un importante incentivo valido per l'eliminazione degli ostacoli fisici presenti in edifici esistenti.

Si tratta di un beneficio che riguarda tutti i cittadini, indipendentemente da età e disabilità. Questo perché lo scopo è quello di favorire l'accessibilità del patrimonio edilizio nazionale, costituito per lo più da strutture datate.

Le barriere architettoniche, infatti, costituiscono un grosso ostacolo per persone disabili e anziane, genitori con passeggini o chi per incidente o malattia temporaneamente non ha la piena facoltà fisica.

Il bonus è stato poi prorogato fino al 31 dicembre 2025 e, in questo articolo, vedremo le novità introdotte per il 2024 e come funziona per poterne usufruire oggi.

Perché un bonus barriere architettoniche?

Prima di vedere come funziona e le novità del bonus barriere architettoniche, capiamo cosa dice a riguardo la legge italiana e quali sono le condizioni di accessibilità di un edificio.

Solo se gli interventi sono conformi a questi requisiti, infatti, sarà possibile usufruire di una consistente detrazione del 75% sulle spese sostenute.

La prima legge di riferimento è la Legge 13/89, dove vengono date disposizioni sull'obbligo di abbattimento e superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati (case e condomini), e stabiliti modalità e termini di accessibilità dei luoghi pubblici.

Il DM 236/89 detta, infine, le disposizioni tecniche, evidenziando 3 livelli di qualità di un edificio:

  1. Accessibilità: possibilità per chi presenta limitate capacità motorie di entrare in un edificio e muoversi nello spazio in modo autonomo.
  2. Visitabilità: possibilità per chi presenta limitate capacità motorie di accedere e fruire di un luogo di relazione (lavoro, svago, servizio) e di almeno un servizio igienico per ogni edificio.
  3. Adattabilità: possibilità di modificare nel tempo un luogo per poterlo rendere accessibile.

Addentriamoci adesso nei dettagli del bonus barriere architettoniche, per vedere requisiti e novità introdotte dalla Legge di Bilancio per il 2024.

Bonus barriere architettoniche: come funziona

Come funziona il bonus barriere architettoniche 75%?

Il bonus per rimuovere o superare le barriere architettoniche consiste in una detrazione fiscale del 75% sulle spese sostenute (e opportunamente documentate) da ripartire in 5 quote annuali di pari importo.

Chi ha diritto alla detrazione del 75%? L'agevolazione, riservata agli edifici privati esistenti, spetta a tutti i cittadini, agli enti pubblici e privati, alle imprese e agli esercenti.

Una platea molto ampia, poiché la finalità è quella di rendere tali spazi veramente accessibili, indipendentemente dalla presenza di persone disabili o over 65 nell'edificio.

La più importante novità introdotta per il 2024 riguarda la fruizione del bonus del 75% come cessione del credito o sconto in fattura. Le nuove regole prevedono che questa forma sia ammissibile per:

  1. Condomini, che eseguono interventi sulle parti comuni;
  2. Persone fisiche, per interventi sull'abitazione principale (di cui sono proprietari o su cui hanno diritto reale di godimento) se hanno un reddito inferiore a €15.000;
  3. Persone fisiche, indipendentemente dal reddito, se nel nucleo è presente una persona disabile.

Si tratta dell'unico bonus edilizio per cui è mantenuta l'opportunità di usufruire della cessione del credito o dello sconto in fattura (a differenza di quanto avvenuto, ad esempio, per il bonus ristrutturazioni edilizie).

Bonus barriere architettoniche: quali lavori di possono fare

Quali lavori si possono fare con il bonus barriere architettoniche?

I lavori su cui si può usufruire del bonus devono rispettare quanto prescritto dal DM 236/89 e dalla Legge 13/89, ed essere eseguiti entro il 31 dicembre 2025.

La Circolare n. 17/E/2023 spiega, poi, che i lavori possono riguardare sia parti comuni sia singole unità immobiliari. Quando eseguiti su condominio, per l'approvazione di questi lavori occorre la maggioranza dei partecipanti all'assemblea, che rappresenti 1/3 del valore millesimale dell'edificio.

Per il 2024 il legislatore è intervenuto con novità restrittive per quanto riguarda i lavori che si possono fare usufruendo del bonus barriere architettoniche. È stato stabilito, infatti, che potranno essere agevolati solo:

  • Rifacimento di scale e ascensori;
  • Inserimento di rampe o servoscala;
  • Installazione di piattaforme elevatrici.

Inoltre, il rispetto delle prescrizioni in termini di accessibilità dovrà essere asseverato da un tecnico abilitato, con il rilascio di un documento.

Bonus barriere architettoniche: come calcolare l'importo

Come calcolare l’importo per il bonus 75%?

L'importo massimo di spesa su cui si può usufruire dell'agevolazione fiscale varia a seconda della tipologia di edificio su cui viene eseguito il lavoro. Ricordiamo che non deve trattarsi di nuove costruzioni, ma di strutture già esistenti.

Per le case indipendenti e per le unità immobiliari inserite in un edificio plurifamiliare ma con accesso indipendente dall'esterno, il limite massimo di spesa è pari a €50.000.

Per ogni singola unità immobiliare che compone un edificio composto da due fino a otto unità immobiliari, invece, la spesa massima agevolabile è pari a €40.000.

Infine, per ogni singolo appartamento di un complesso immobiliare composto da più di otto unità immobiliari la detrazione spetta fino a €30.000.

Devi ristrutturare casa? Trova il punto vendita Made

Bonus barriere architettoniche: conclusioni

Nel nostro Paese gli edifici inaccessibili e che presentano barriere architettoniche sono numerosi, poiché gran parte delle unità immobiliari non sono recenti.

Il bonus per abbattere le barriere architettoniche nasce proprio per eliminare gli ostacoli e rendere le strutture fruibili da tutti.

Inoltre, l'agevolazione del 75% è l'unico bonus per cui attualmente è possibile richiedere (anche se con limitazioni dal 2024) lo sconto in fattura immediato o la cessione del credito.

Il Gruppo Made è in grado di offrirti non solo i migliori materiali, ma anche l'esperienza qualificata di personale specializzato in ristrutturazioni edilizie. Siamo pronti ad affiancarti in ogni fase dei lavori di rimozione degli ostacoli alla mobilità autonoma.

Contatta il punto Made più vicino a te per una consulenza su una ristrutturazione che ti permetta di rendere accessibile anche la tua casa.

Richiedi informazioni:

Siamo a tua 
disposizione
Materiali, prodotti, soluzioni, consigli, progettisti, architetti, Showroom, per qualsiasi esigenza troveremo una soluzione su misura per te.
TROVA IL TUO PUNTO VENDITA
Entra
in MADE
Gruppo Made offre la migliore proposta di strumenti e servizi orientati all’incremento dell’efficienza delle aziende della distribuzione edile.
SCOPRI DI PIÙ

newsletter

ISCRIVITI
MADE è il gruppo per l’edilizia italiana, punto di riferimento unico 
per tutto quello che stai cercando per costruire casa.
© 2022 Made Italia S.p.a. P.IVA e CF 07793980967 • REA: MI - 1982170 • Capitale Sociale € 725.000 I.V. - Privacy Policy - Cookie Policy - Cookie Preference
usersarrow-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram