Dal Piano Città Interventi Subito Cantierabili

25/02/13

Sono 28 i progetti selezionati per l’avvio di interventi destinati al miglioramento delle aree urbane degradate di alcune fra le principali città italiane

Ė diventato operativo il "Piano città", attraverso lo stanziamento di 318 milioni di Euro, a disposizione dei 28 i progetti vincitori, selezionati fra le 457 proposte arrivate dai comuni al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Come è noto, il “Piano Città” è previsto dall’articolo 12 del decreto legge 83/2012, che ha per titolo “Misure urgenti per la crescita del Paese”, ed è dedicato alla riqualificazione di aree urbane con particolare riferimento a quelle degradate.

La “Cabina di regia” è composta dai ministeri interessati, dall’Anci, dalla Conferenza delle Regioni, dall’Agenzia del Demanio e dalla Cassa Depositi e Prestiti) e la selezione si è basata su precisi criteri, definiti dal decreto stesso, tra i quali: l'immediata cantierabilità; la capacità e la modalità di coinvolgere soggetti e finanziamenti pubblici e privati; la riduzione di fenomeni di tensione abitativa, di marginalizzazione e di degrado sociale; il miglioramento della dotazione infrastrutturale anche con riferimento all'efficientamento dei sistemi del trasporto urbano; il miglioramento della qualità urbana, del tessuto sociale e ambientale.

La Cabina di regia attiverà rapidamente i contratti necessari per aprire al più presto i cantieri, che riguardano:
Ancona (area porto, valore progetto: 66,4 mln), Bari (area lungomare ovest e via Sparano, valore progetto: 215,8 mln), Bologna (quartiere Bolognina, valore progetto: 83,2 mln), Catania (quartiere Librino, valore progetto: 73,7 mln), Cagliari (quartiere S. Elia, valore progetto: 111,1 mln), Eboli (quartieri Molinello e Pescara, valore progetto: 122,6 mln), Erice, (casa Santa, valore progetto: 64,9 mln), Firenze (zona Cascine, valore progetto: 467 mln), Foligno (zona nord ovest, valore progetto: 90,3 mln), Genova (area Val Bisagno, valore progetto: 221 mln), L’Aquila (area Piazza d’Armi, valore progetto: 37,1 mln), Lamezia Terme (quartiere Savutano, valore progetto: 51,9 mln), Lecce (settore ovest, valore progetto: 134,9 mln), Matera (Borgo La Martella, valore progetto: 17,3 mln), Milano (Bovisa, valore progetto: 68,6 mln), Napoli (area ex Corradini, valore progetto: 21,5 mln), Pavia (Santa Clara, valore del progetto: 16,5 mln), Pieve Emanuele (interventi di riqualificazione urbana, valore progetto: 13,7 mln), Potenza (quartiere Bucaletto, valore progetto: 50,6 mln), Reggio Emilia (area nord, valore progetto: 39,7 mln), Rimini (waterfront, valore del progetto: 225,3 mln), Roma (Pietralata, valore progetto: 113 mln), Settimo Torinese (Laguna Verde, valore del progetto: 305 mln), Taranto: (quartiere Tamburi, valore progetto: 68,9 mln), Torino (quartiere Falchera, valore progetto: 252,8 mln), Trieste (recupero caserme, valore progetto: 10,8 mln), Venezia (Vaschette Maghera e centro storico di Mestre, valore progetto: 563,8 mln), Verona (interventi diversificati sul territorio comunale, valore progetto 864,6 mln). (Fonte: ministero delle Infrastrutture e Trasporti).

I fondi assegnati ai 28 progetti sono in totale 318 milioni di euro: 224 milioni di euro dal “Fondo Piano Città” (appositamente istituito e dotato di fondi derivanti da riutilizzi di vecchie risorse bloccate), e 94 milioni di euro dal “Piano Azione Coesione per le zone franche urbane” dove si concentrano i programmi di defiscalizzazione per le Pmi, e destinati unicamente alle città del Sud inserite in tali zone. Sono stati, inoltre, ammessi al finanziamento ulteriori 24 progetti presentati dai Comuni, che riguardano però esclusivamente interventi di bonifica ambientale e interventi relativi all’efficienza energetica, e che saranno finanziati con risorse del ministero dell’Ambiente. Infine, la “Cabina di regia” ha permesso di mettere a sistema una serie di programmi e finanziamenti che, in precedenza, non erano tra loro integrati, tra i quali il FIA (Fondo Investimenti per l’Abitare di Cassa Depositi e Prestiti) finalizzato ad attivare operazioni di Social Housing, che metterà a disposizione 1,5 miliardi di euro. In tal modo, il lavoro della “Cabina di regia” consentirà di impiegare in modo coordinato questi finanziamenti anche sui progetti non prescelti in questa fase.

Fonte: “Edilbox”, a firma Franca Widmar

[divider]
[space height="20"]

Siamo a tua 
disposizione
Materiali, prodotti, soluzioni, consigli, progettisti, architetti, Showroom, per qualsiasi esigenza troveremo una soluzione su misura per te.
TROVA IL TUO PUNTO VENDITA
Entra
in MADE
Gruppo Made offre la migliore proposta di strumenti e servizi orientati all’incremento dell’efficienza delle aziende della distribuzione edile.
SCOPRI DI PIÙ

newsletter

MADE è il gruppo per l’edilizia italiana, punto di riferimento unico 
per tutto quello che stai cercando per costruire casa.
© 2022 Made Italia S.p.a. P.IVA e CF 07793980967 • REA: MI - 1982170 • Capitale Sociale € 710.000 I.V. - Privacy Policy - Cookie Policy - Cookie Preference
usersarrow-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram