Gruppo Made al Tavolo di Youtrade

25/06/13

Produzione e distribuzione si confrontano sul tema della “riconversione” dei magazzini edili, per avere maggiore efficacia nel nuovo mercato. Il contributo di Gruppo Made vuole poter contare anche sulle opinioni di soci e aderenti

Stiamo partecipando come Made a un tavolo di lavoro che rappresentata un po' tutta la filiera: produzione, multi point, gruppi di distribuzione, organizzato dalla rivista “YouTrade” per selezionare le priorità da approfondire al Convegno che la rivista ha organizzato per il mese di settembre, sul tema: "Riconvertirsi per costruire il futuro".

Abbiamo accettato l'invito perché crediamo che il confronto costruttivo e schietto all'interno della filiera possa aiutare a trovare una via per fare finalmente sistema. Per altro il tema è qualche modo la continuazione del nostro “insieme verso il nuovo mercato” presentato alla convention Made di fine anno.

Ogni mese, “Youtrade” presenterà sulle sue pagine un trailer per tener viva l’attenzione sull’evento di Settembre; al di là dello stralcio riportato del mio intervento, vorrei condividere e precisare, in pochi, brevi punti, i contenuti del mio intervento anche per stimolare i contributi dei nostri soci e aderenti:

1) I soggetti della produzione devono chiarire la propria posizione sul ruolo che intendono riservare alla “piccola” (ma numerosa) distribuzione nel nuovo mercato. Un ruolo cui deve essere associato un “contratto relazione” che siglato dai vertici, non potrà più essere “interpretato” dagli agenti di zona ma semplicemente applicato: rispetto e applicazione delle strategie commerciali condivise con i gruppi.

2) Confermato il ruolo centrale della distribuzione o nel nostro caso la relazione col gruppo, la produzione dovrebbe pensare a organizzare la propria rete per essere da supporto alla vendita della distribuzione e non concorrenziale: non si capisce perché, se la produzione è orientata a rispettare la distribuzione, ci sia una sproporzione tra venditori e tecnici promotori della vendita veicolata alla distribuzione.

3) La filiera non premia chi rispetta le regole. La produzione può e deve avere un ruolo chiave, stando a monte, per selezionare, favorire e indirizzarsi verso rapporti da nuovo mercato: professionali e premianti la professionalità.

4) La distribuzione sarà, anzi è, chiamata a fare un enorme balzo in avanti, un progresso concreto, in termini di riorganizzazione o sarà completamente tagliata fuori dal nuovo mercato.

5) Una distribuzione intermedia ci sarà sicuramente: ma sarà il proseguimento naturale di quella attuale, dopo la selezione, o la grande distribuzione farà piazza pulita?

Questi sono stati i punti da me messi sul tavolo nel primo incontro senza neanche tanta premeditazione.
Mi farebbe piacere conoscere anche le vostre opinioni, in modo da far da portavoce e poter portare anche i vostri contenuti al tavolo della discussione.

Per questo vi invito a inviare una e-mail con i vostri commenti a marketing@gruppomade.com o a chiamarmi al solito numero 328.38.36.468

Cordialmente

Claudio Troni

Dir. Marketing Made

 

Scarica il PDF "Riconvertirsi per ricostruire il futuro"

[divider]

[space height="20"]

Siamo a tua 
disposizione
Materiali, prodotti, soluzioni, consigli, progettisti, architetti, Showroom, per qualsiasi esigenza troveremo una soluzione su misura per te.
TROVA IL TUO PUNTO VENDITA
Entra
in MADE
Gruppo Made offre la migliore proposta di strumenti e servizi orientati all’incremento dell’efficienza delle aziende della distribuzione edile.
SCOPRI DI PIÙ

newsletter

MADE è il gruppo per l’edilizia italiana, punto di riferimento unico 
per tutto quello che stai cercando per costruire casa.
© 2022 Made Italia S.p.a. P.IVA e CF 07793980967 • REA: MI - 1982170 • Capitale Sociale € 710.000 I.V. - Privacy Policy - Cookie Policy - Cookie Preference
usersarrow-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram