Gocciolatoio balcone: come combattere i danni da pioggia

25/12/17

I balconi e le terrazze sono parti fondamentali delle nostre abitazioni. Tali spazi sono di natura ambigua e per questo affascinante. Il nostro salotto è perfetto per rilassarci e camera nostra è l’ideale per studiare, dormire, leggere un libro distesi sul letto.

Tutti questi sono spazi di privacy. Il mondo è fuori e noi siamo da soli al loro interno. Nel caso del balcone, invece, casa nostra e il mondo esterno si incontrano. Noi possiamo osservare chi cammina in strada, come chi cammina in strada può osservare noi. Tuttavia, siamo sempre in casa nostra e continuiamo a sentirci protetti. Queste strutture sono però esposte alle intemperie costanti della natura e in particolar modo alla pioggia. L’acqua, col passare del tempo, bagnando continuativamente la soletta in calcestruzzo armato del balcone, giunge a deteriorarla significativamente. Vediamo quindi assieme il ruolo del gocciolatoio balcone, col quale possiamo smaltire l’acqua piovana minimizzando i danni e gli inestetismi che essa provocherebbe.

Gocciolatoio balcone: funzionamento tecnologico e design

Abbiamo già toccato l’argomento del gocciolatoio balcone parlando del coprimuro in cotto, oggi vediamolo con specificità.

Qual è e come avviene il funzionamento tecnologico del gocciolatoio?

Partiamo col pensiero che, di fatto, l’acqua tende sempre verso il basso per gravità. Al contempo, però, essa a contatto con materiali lapidei e non solo, subisce un fenomeno cosiddetto di capillarità. Vale a dire che addirittura è in grado di risalire i materiali infiltrandosi dal basso verso l’alto.

Questo avviene nel caso dell’umidità di risalita e abbiamo visto “Come eliminare l’umidità di risalita: rimedi, costi e soluzioni” affrontando anche il tema della deumidificazione elettrofisica. Bene, questo spiega già l’origine del problema. Quando piove, l’acqua si accumula sulla superficie del balcone e tende a sgrondare verso l’esterno seguendo la pendenza del pavimento.

Nonostante ciò, giunta allo spigolo esterno, cola lungo lo spessore della soletta e indugia su di esso, lungo lo spigolo inferiore e addirittura percorre la strada già fatta al contrario, rimanendo appesa alla superficie inferiore dello sbalzo. Da qui, per capillarità tende a risalire nella struttura.

Ecco spiegati i problemi tipici dei terrazzi:

  • Colature
  • Striature nerastre
  • Distacchi d’intonaco
  • Ossidazione dei ferri del calcestruzzo armato
  • Sbollatura del calcestruzzo
  • Esposizione dei ferri all’aria aperta

Come fermare tutto ciò?

Con il gocciolatoio balcone! Un dispositivo geniale nella semplicità della sua idea progettuale. Banalmente un supporto posto sullo spessore dello sbalzo e dotato di un forma per cui, al suo intradosso, vi è una scanalatura. Quando la goccia d’acqua la raggiunge, per poter continuare all’intradosso della soletta dovrebbe muoversi verso l’alto come un ragno su una parete. Questo di certo non è possibile e quindi casca verso il basso. Ciò preserva il terrazzo e peraltro costituisce anche occasione di design. Esistono molti tipologie di dispositivo con forme e materiali diversi e quindi impatto diverso.

Gocciolatoi per balconi: Quali sono le diverse tipologie?

Soluzioni classiche in materiali lapidei

Una classica proposta è offerta dalla piastrelle stesse. L’ultima fila di queste, posizionata sporgente rispetto allo spigolo esterno, è talvolta un pezzo speciale appositamente realizzato. I materiali sono molteplici:

  • Clinker
  • Gres porcellanato
  • Cotto talvolta per soluzioni particolari

Gocciolatoi in plastica e resine

Molto usati anche per la loro economia sono i prodotti in plastica. Spesso questi sono profili sottili che vanno posizionati al di sotto della pavimentazione stessa. Versatili e leggeri, la loro unica criticità può essere la difficoltà a reggere gli urti. Inoltre, se il prodotto non è di ottima qualità, a lungo andare risente dell’alternanza stagionale caldo freddo. La materia si indurisce e tende a infrangersi e spezzarsi.

Le resine sono soluzioni più innovative e molto efficienti. Gestiscono molto meglio caldo e freddo e si deteriorano pochissimo nel tempo.

…e in rame e alluminio

Alcuni dispositivi sono invece come scossaline di fatto. Lamiere metalliche piegate ad hoc e poste in opera. Queste possono essere una soluzione vincente. Principalmente in rame e alluminio, ma talvolta anche in acciaio inox. Il rame è un materiale che fa parte della storia del costruito italiano. Esso reagisce a contatto con l’atmosfera. Appena prodotto e posto in opera è di un colore marrone-arancione estremamente lucente. Poi in breve crea un film di ossido che lo imbrunisce, conferendogli un carattere più antico e sobrio. Questa pellicola è la stessa che lo difenderà per moltissimi anni e quindi vi consigliamo di valutare questa scelta.

Tutte queste lamiere, inoltre, possono essere disposte con uno sbalzo maggiore o minore, e avere un’altezza considerevole oppure essere molto basse. Questi fattori vi concederanno di giocare bene anche ai fini progettuali ed estetici della facciata.

Richiedi informazioni:

Consenso(Obbligatorio)

Siamo a tua 
disposizione
Materiali, prodotti, soluzioni, consigli, progettisti, architetti, Showroom, per qualsiasi esigenza troveremo una soluzione su misura per te.
TROVA IL TUO PUNTO VENDITA
Entra
in MADE
Gruppo Made offre la migliore proposta di strumenti e servizi orientati all’incremento dell’efficienza delle aziende della distribuzione edile.
SCOPRI DI PIÙ

newsletter

MADE è il gruppo per l’edilizia italiana, punto di riferimento unico 
per tutto quello che stai cercando per costruire casa.
© 2022 Made Italia S.p.a. P.IVA e CF 07793980967 • REA: MI - 1982170 • Capitale Sociale € 710.000 I.V. - Privacy Policy - Cookie Policy - Cookie Preference
usersarrow-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram